Perché diciamoci la verità: se il titolo vi ha incuriosito probabilmente fate parte di quella categoria di persone (me compreso) che odia doversi spostare qualunque sia la necessità, che “se la si può fare online è meglio” e che puntualmente rischia di restare a piedi in mezzo al nulla per il continuo rimandare l’appuntamento col benzinaio. Non per avarizia, sia chiaro, ma per pura pigrizia.

E allora ecco che gli americani, campioni assoluti del “meno-faccio-meglio-è”, si sono inventati un nuovo sistema per evitarci la drammatica incombenza del rifornimento: carburante a domicilio. WeFuel è infatti solo l’ultima di una serie di nuove startup di questo tipo che tramite una semplice app – al momento solo per dispositivi iOS – permette di prenotare un rifornimento per la nostra auto/moto/camion/camper/eccetera ovunque ci troviamo.

WeFuel-screenshot

Una volta installata l’app è sufficiente indicare sulla mappa il punto in cui vogliamo ricevere il rifornimento, indicare i nostri dati, calcolare le tariffe extra – mica lo fanno gratis – e pagare. Nel giro di 30 minuti un furgoncino super attrezzato sarà sul posto, pronto a farci il pieno senza scomodare il nostro sedere dalla comodissima poltrona su cui si trova. A patto che l’auto non si trovi in un parcheggio coperto e che lo sportellino del serbatoio non sia chiuso a chiave. In caso contrario sarà necessario essere presenti al momento del rifornimento.

A proposito, leggi anche:   Angry Birds: Star Wars, il Potere della Fionda

wefuel2

È anche possibile sottoscrivere una sorta di abbonamento mensile, per circa 20$, per evitare le tariffe extra e godere di un numero infinito di rifornimenti. Purtroppo WeFuel è disponibile solo negli Stati Uniti, pertanto dovrete vedere la faccia del vostro benzinaio di fiducia ancora per un po’. O forse potreste soffiare l’idea agli americani e portarla anche da noi. Nel frattempo però in Italia è già possibile farsi lavare la macchina a domicilio. Meglio di niente, no?

WeFuel: il carburante a domicilio per i più pigri ultima modifica: 2016-02-22T03:00:35+00:00 da Andrea Savoca

Scritto da Andrea Savoca

"Penso che ancora non siate pronti per questa musica... Ma ai vostri figli piacerà!"