Slam.Dunk.full.158881

Determinazione, genio e sregolatezza, con questi tre aggettivi si può descrivere l’universo di uno dei manga/anime fra i più apprezzati dal grande pubblico mondiale. Nonostante sia di genere sportivo infatti Slam Dunk è grondante di altri elementi: l’amicizia, l’amore, la rivincita, il riscatto, gli anni dell’adolescenza e la magica vita quotidiana giapponese.

Slam Dunk è un manga di Takehiko Inoue (famoso anche per il capolavoro Vagabond), uscito nel 1990 su Weekly Shonen Jump ed approdato in Italia grazie alla Panini nel 1997 e noto al grande pubblico in quanto l’anime tratto dal fumetto venne trasmesso a partire dal 2000 da MTV Italia.

Slam Dunk narra le peripezie di Hanamichi Sakuragi, adolescente giapponese continuamente vessato per l’improbabile colore dei capelli. Un rosso acceso che di certo si addice di più ad un folletto irlandese che ad un adolescente del Sol Levante. E sebbene riesca a difendersi tranquillamente dagli amici maschi e dalle loro provocazioni, risulta avere un grosso punto debole : le donne. Donne che però, vuoi per la particolarità fisica, vuoi per la presunta poca intelligenza, continuano a rifilare al nostro eroe parecchi due di picche.

1176274399

Di fronte all’ennesimo rifiuto Hanamichi si sente sempre più solo, ma è proprio nel momento di più profonda disperazione che compare lei: Haruko, dolce donzella appassionata di basket, che vedendo la prestanza del nostro pel di carota gli propone di entrare nella squadra di basket del liceo, capitanata nientepopodimenochè da suo fratello Akagi. Sebbene il nostro protagonista non abbia mai tentato un canestro in vita sua riuscirà a fare di necessità virtù. Hanamichi è determinato e questo sembra bastare; riuscirà ad entrare nella squadra (nonostante il pessimo rapporto con il capitano) e a far valere le proprie ragioni, conquistando a poco a poco la stima dei suoi compagni, l’ammirazione di Haruko e un po’ di sicurezza personale che lo porteranno a diventare una delle stelle della squadra.

A proposito, leggi anche:   Let's be perverts

Un manga condito di buon umore, che riuscirebbe a far ridere persino Schwarzenegger in Terminator. Battute geniali, espressioni facciali a tratti sublimi, storia avvincente e coinvolgente, il tutto condito da quella sana competizione che non guasta mai.

Per quanto riguarda l’anime esso risulta altrettanto bello e godibile. Uscito in Italia (arricchito da un doppiaggio stranamente molto ben fatto e non limitante) ha fatto sicuramente da trampolino di lancio al fumetto avvicinando all’edizione cartacea le masse che ne sconoscevano la pubblicazione.

Slam dunk1

Un buon manga per iniziare ed entrare in questo colorato mondo, una storia eccezionale e commovente, che ti fa immedesimare completamente con i personaggi, narrazione da leggere tutta d’un fiato e che troverete con poca difficoltà in fumetteria vista la recente ristampa italiana ad opera della D/Visual, uscita da qualche mese ed ancora in corso.

Una storia che vale la pena leggere e vivere, che riesce benissimo a coniugare quella che può essere la banalità di una partita di basket a tematiche più profonde e coinvolgenti. Una storia che è tenuta insieme da un solido filo conduttore, un messaggio di fondo che le fa da cornice. Con la determinazione si può arrivare lontani, anche se agli occhi degli altri risulti diverso. Slam Dunk è questo e molto altro, ma lo capirete solo leggendo.

Slam Dunk: tra sport, amicizia e Giappone ultima modifica: 2013-03-16T09:00:23+00:00 da Mario Cerutti

Scritto da Mario Cerutti

Nato nel settore ZZ9 Plurale Z Alfa e da li mai trasferitosi, decide, preso dalla noia, di studiare comunicazione, e travolto dalla vita a fare poi tutt'altro. Ho molte passioni e poco tempo per goderne. Nel tempo libero vivo.