abits_cineabitudini_lego_batman_movie_dc_superheroes

Lo so, non è il genere di film che vi aspettavate di trovare in questa rubrica, ma in una domenica buia e tempestosa, con poco tempo a disposizione e soprattutto una certa incapacità di guardare pellicole un po’ più impegnative, me lo sono concessa e, sorpresa, mi è piaciuto parecchio. Sto parlando di LEGO Batman: The Movie – DC Superheroes Unite, basato sul videogame Lego Batman 2: DC Superheroes e uscito solo su Blu-ray e DVD.

Il film in pillole

abits_cineabitudini_lego_batman_movie_wayne

Diretto, ideato e prodotto da Jon Burton, il lungometraggio raccoglie le scene tratte dal già citato videogioco a cui sono state aggiunte nuove parti sostitutive di quelle dedicate originariamente al gameplay. 71 minuti in cui potrete seguire le avventure di Batman e Robin in un’insolita cornice, quella in cui l’eroe di Gotham convive con altri supereroi e con l’antagonista di Superman, Lex Luthor.

La storia non è di certo tra le più complicate: durante la premiazione per l’uomo dell’anno, Lex si vede sconfitto da Bruce Wayne che però vede scomparire la sua statuetta per colpa del sempre divertente Joker. L’evento farà scattare il genio del cattivo di Metropolis che vedrà nell’eterno rivale di Batman la sua occasione per ambire al titolo di Presidente.

Divertente e leggero, il film intrattiene senza fatica e alla fine vi chiederete come sia possibile che sia già terminato. Le reazioni più probabili? La ricerca spasmodica di qualche altro piccolo lungometraggio LEGO, l’acquisto compulsivo dei mattoncini colorati più famosi del mondo o la prenotazione di qualche videogioco con i medesimi personaggi.

Nostalgia canaglia

abits_cineabitudini_lego_batman_movie_lex_joker

L’avrete sicuramente già capito: LEGO Batman: The Movie – DC Super Heroes Unite non è un must-watch, non è impegnativo e non è sicuramente qualcosa che vi riempie la serata considerando la durata poco superiore all’ora. Eppure qualcosa di particolare ce l’ha, qualcosa che basta a tenervi incollati allo schermo: il fattore nostalgia.

A proposito, leggi anche:   The Far Cry Experience, la storia di un sopravvissuto

Si comincia dal principio, con la base del lungometraggio, ossia i mattoncini colorati che ci hanno accompagnato durante l’infanzia e che, a dire il vero, mi accompagnano ancora adesso grazie alla loro capacità di dare spazio all’ingegnere che c’è in noi. Il passo in più è l’animazione che sì, toglie un po’ di spazio alla nostra creatività, quella che ci permetteva di dare vita alle storie più svariate con le costruzioni più diverse, ma allo stesso tempo dà voce a personaggi da sempre muti.

Voce. Questo è il secondo punto. Non stiamo infatti parlando di un doppiaggio qualsiasi per una storia qualsiasi, ma una trama che narra le storie degli eroi che da sempre amiamo e che finalmente parlano, parlano con i doppiatori originali delle serie animate degli anni ’90. Praticamente vi sembrerà di tornare indietro di 20 anni, seduti sul vostro divano durante i giorni di scuola, a guardare Italia1.

Infine ci sono loro, i supereroi DC tra cui spiccano, per ovvie ragioni, il cocciuto Batman e lo sbadato Robin, ma anche il sempre presente Superman che compare ogni qualvolta sia necessario. Insieme danno origine a scene divertenti ma non banali che mixano passato e presente in modo piuttosto sapiente. Insomma, un film da recuperare.

[box title=”LEGO Batman: The Movie – DC Superheroes Unite ” color=”#3E3E3E”]
  • Titolo Originale: LEGO Batman: The Movie – DC Superheroes Unite
  • Anno: 2013
  • Regista: Jon Burton
  • Genere: animazione
  • Compra Su Amazon
[/box]
LEGO Batman: The Movie e il fattore nostalgia ultima modifica: 2013-05-29T00:30:22+00:00 da Erika Gherardi

Scritto da Erika Gherardi