Categoria: Manga e Anime

Monk: tra castità forzata e donne coca-cola

Cosa succede se la forza di un monaco buddhista sta nel sesso, pratica impedita dal voto di castità, ma che si rende necessaria al fine di salvare il mondo, l’universo e tutto quanto? Monk in fondo nella sua semplicità è tutto qua, accompagnato da tante risate, coca cola e donne. Cosa c’entra la bibita più famosa del mondo con tutto ciò sopraccitato? Una sorta di kriptonite come quella che annienta Superman o un barattolo di spinaci che fa venire le gobbe alle braccia di Popeye?

/ 25 luglio 2013

Quando la perversione può rovinare un’opera d’arte: Golden Boy

Golden Boy è stato uno dei primi anime/manga che hanno fatto sì che mi avvicinassi a questo colorato e multiforme mondo, un prodotto che ha degli alti e bassi sconvolgenti ed a tratti deliranti, ma che merita comunque una menzione nel panorama fumettistico giapponese.

/ 24 giugno 2013

Ghost in The Shell Arise: Windows Surface a tutto Anime

Il marketing made in Japan non pone confini alla fantasia. Mi spiego meglio: se dico product placement cosa vi viene in mente? Probabilmente un bel film con un prodotto piazzato tra una scena e l’altra. Giusto, avete studiato. E se vi dicessi che in questo caso il product placement è stato fatto all’interno di un cartone animato e che il prodotto è Windows Surface? Strano mix vero? Beh, ecco in Giappone accade anche questo. Ma lasciatemi fare un passo indietro per spiegare alcune cose.

/ 18 giugno 2013

Yaoi, fantasie per ragazze

Per chi non lo sapesse, il genere manga chiamato Yaoi nasce per compiacere noi ragazze o, per meglio specificare, loro ragazze (giapponesi). Non sapete cosa sia il genere Yaoi? Diciamo che in questo genere di manga, giovani e avvenenti ragazzi intrattengono relazioni amorose e di amicizia tra loro. Di primo acchito si potrebbe pensare che questo tipo di fumetti sia rivolto ad un pubblico gay e invece no! Solitamente le mangaka sono donne e lo Yaoi è fatto per essere letto da altre donne. Se volete un genere gay-oriented potete rivolgere lo sguardo verso il genere Bara (che in giapponese significa Rosa).

/ 28 maggio 2013

Anime per sinapsi fini: Paranoia Agent

Quando l’anime incontra la magia e l’assurdo con pattini e mazza da baseball nasce Paranoia Agent, probabilmente uno dei migliori prodotti giapponesi degli ultimi anni.

/ 27 maggio 2013

Katagames: cosplay e videogames dalla Sicilia

Finalmente qualcosa si muove. Lo stivale fa un passo verso un mondo nuovo, diverso, e la Sicilia sembra aver colto questo momento e movimento in maniera perentoria ed innovativa. In questa evoluzione culturale si inserisce Katagames, un evento dedicato al mondo dei geek che sono andato a visitare per voi.

/ 9 maggio 2013

Distopie disegnate dal Giappone: Violence Jack

Giappone, terremoto, catastrofe. Tre parole che possono significare tanto o poco, che possono rappresentare realtà, finzione o entrambe. Che in realtà nel tempo hanno assunto significato per entrambe. Non era difficile immaginare, nel paese del Sol Levante, una catastrofe nazionale dovuta ai terremoti, ma Go Nagai con il suo Violence Jack ci è riuscito divinamente.

/ 23 aprile 2013

Sword Art Online, quando il gioco diventa realtà

Devo ammettere di non essere un grande appassionato di anime, o meglio, non mi ritengo tale dal momento che pochi sono riusciti a tenermi davvero incollato allo schermo. Ma oggi vi parlerò di uno di quei pochi, un anime che riesce a divertire e allo stesso tempo commuovere: Sword Art Online. La storia inizia con un videogioco e un ragazzo, che da semplice giocatore diventerà un vero eroe.

/ 5 aprile 2013

Slam Dunk: tra sport, amicizia e Giappone

Determinazione, genio e sregolatezza, con questi tre aggettivi si può descrivere l’universo di uno dei manga/anime fra i più apprezzati dal grande pubblico mondiale. Nonostante sia di genere sportivo infatti Slam Dunk è grondante di altri elementi: l’amicizia, l’amore, la rivincita, il riscatto, gli anni dell’adolescenza e la magica vita quotidiana giapponese.

/ 16 marzo 2013