BUFFER_

Il Social Media Management sta diventando un’ossessione. Oltre che una professione. Si evolve, si espande e inevitabilmente finisce per aver bisogno di qualche strumento che renda tutto più semplice e immediato. Oggi vi presento proprio uno di questi tool: Buffer..

Contenuti originali ma anche tempismo

Chi più chi meno, siamo sempre alle prese con i social network e con il frequente dilemma di quanto e come postare contenuti originali perché, come mamma G insegna, sono proprio questi che garantiscono lunga vita e fama crescente ai profili social che siano di persone, aziende, organizzazioni o altro.

Buffer è uno strumento straordinario.

Immaginatelo come un grande contenitore, un cesto, dove “buttare” in continuazione tutto ciò che pensate valga la pena di essere condiviso. Tutto qui? Si. Perchè al resto penserà il sistema “erogando”, cadenzati nel tempo, i vostri posts.

abts_buffer_socialmedia

Integrabile nei browsers tramite un’estensione, il pulsante di Buffer apparirà magicamente accanto ai soliti “posts now”, “tweet”, “retweet” permettendovi di buttare dentro al cesto, con un semplice click, anche i contenuti che già trovate on-line e che vorreste ricondividere.

Buffer, nella sua versione gratuita, lavora su Twitter, Facebook e LinkedIn, ma dietro compenso è capace  di farvi collegare a ca. 12 Social Network tra i più importanti in circolazione.

Non è tutto. Il vostro profilo buffer è collegabile ad altre funzionalità. Tra le più importanti voglio segnalarvi Tweriod e Followerwonk. Sono due analizzatori del traffico social generato dai profili. In pratica prendono in esame il vostro andamento e comunicano a Buffer gli orari migliori in cui accendere il semaforo verde ai posts in uscita.

A proposito, leggi anche:   Password Manager: uno strumento indispensabile troppo poco diffuso?

Inutile dire che potrete consultare la griglia di partenza dei vostri posts e modificarla in quanto a ordine, e anche orario. Inoltre il vostro pannello di controllo vi permetterà di monitorare l’impatto dei diversi posts sui vostri followers e di capire, con un solo sguardo, quali contenuti stuzzicano maggiormente la curiosità di chi vi ascolta.

Da non perdere

7mc2ov5x

Non sottovalutate una delle funzionalità meno pubblicizzate ma più straordinaria di questo strumento: la funzione Email.

Buffer vi assegna un indirizzo email a cui potrete far riferimento per aggiungere contenuti al vostro distributore automatico. Scrivendo a quell’indirizzo da qualsiasi terminale e seguendo una facile sintassi sarete in grado di postare via email specificando il momento (now o scheduled), i social su cui mandare (tutti o uno in particolare) e aggiungendo link e/o foto.

Buffer via email è semplicemente entusiasmante.

Nel prossimo post sui consigli Social Media Manager parleremo di un altro strumento interessante, per ora vi lasciamo alle prese con quello presentato qui così poi ci fate sapere se vi trovate bene oppure non fa al caso vostro.

[fancy_link link=”http://bufferapp.com/”]Prova Buffer[/fancy_link]

Buffer: distributore automatico di Social ultima modifica: 2013-06-23T00:30:48+00:00 da TheEcolomist

Scritto da TheEcolomist