Ah, i vecchi tempi del trash. Sembra ieri quando ogni mese le pietre miliari di YouTube battagliavano rovinandoci la vista e l’udito; da Gemma del Sud a Truce Baldazzi, per non parlare di Laura Scimone. Ultimamente Lui è inarrestabile e instancabile: se è vero che gli opposti si attraggono, perché Andrea Diprè, che di per sé è l’incarnazione della parola trash, riesce -non si sa come- ad attirare altra spazzatura sociale e/o internettiana?

Genesi

Al principio era un avvocato, non si sa se di professione o per mezzo del tanto agognato pezzo di carta; di certo si possono immaginare -o almeno chi vi scrive ha provato a farlo- degli scenari surreali in cui Diprè con le sue arringhe vistose farcite di parole forbite in maniera del tutto casuale in mezzo catafratta al discorso. E quindi pensate alla sua personalità da showman rinchiusa in un piccolo tribunale di provincia, a sciorinare qualche banale difesa al parcheggiatore in doppia fila, o alla vecchietta scassinatrice.

Decide di combinare i suoi studi e la sua passione per i monologhi e le difese dell’altrui persona, diventando un mecenate dell’arte che nessuno vorrebbe rappresentare. Ah, e, ovviamente, non possono mancare le rubriche sociali. Cosa c’entra con l’immagine da critico d’arte che ci aveva mostrato all’inizio? Assolutamente nulla! Ma credete davvero che l’arte c’entri qualcosa con i personaggioni presentati nei suoi video? Che la decenza umana c’entri qualcosa con la persona chiamata Andrea Diprè?

L’arte mettila da parte

E insomma, abbiamo il critico d’arte, l’uomo che da voce a ingiustizie, scandali mondiali e vati della filosofia e dell’estetismo. Dopo aver affrontato il delicatissimo caso di Sarah (con l’acca finale) Kennedy e la sua nemesi FOTI ANNA (il nome è stato scritto in maiuscolo per trasmettere il pathos che richiede la pronuncia di codesta figura del male), aver raccolto le ultime considerazioni sull’arte del maestro Osvaldo Paniccia e aver girato un how-to del tutto random sul sesso grazie a Katalin Fazekas (Il problema dei uomini che a maggior parte a loro mogli rifiuta il sessuale orale. cit.), Andrea Diprè mette le sue mani su qualcosa di grosso (o qualcuno?). Sedetevi. Giuseppe Simone.

A proposito, leggi anche:   Siamo donne, oltre le gambe c'è...il trash

Uccello non identificato

Cos’ha di artistico Giuseppe Simone, a parte la sua personalità, il suo charme e il suo fisico da adone? Assolutamente nulla, come “nulla” è la parola adatta per definire l’incontro tra queste due figure di YouTube. Un buco nero d’emozioni, questo video. Emozioni che solo Christian Ice poteva tirare fuori con un altro dei suoi superbi ed epici remix. Se prima chi vi scrive avrebbe voluto discutere in un lungo articolo di tutte le sensazioni trasmesse dalla visione di un featuring così inaspettato quanto incredibilmente bellissimo, dopo aver visto il video del Maestro ha deciso di lasciar parlare le note.

Questo articolo è stato pagato da FOTI ANNA.

You is the human rationality over a society – Bonus track

 

 

Andrea Diprè & Friends: il divano ricolmo d’estetica ultima modifica: 2013-06-09T02:34:48+00:00 da Anna Sidoti

Scritto da Anna Sidoti

Non sono ancora così famosa da avere una biografia.