Volevamo cominciare con il botto ma purtroppo Orietta Berti non ci ha concesso l’intervista; abbiamo incontrato  invece, -virtualmente- La Rappresentante di Lista. No, non è una rubrica politica questa, loro sono proprio La Rappresentante di Lista, un duo che fa echeggiare le proprie onde sonore da Palermo a Viareggio. Cercate della musica particolare ma nello stesso tempo calda e coinvolgente? Continuate a leggere (ma più che altro a sentire).

L’evergreen della Carrà recitava “com’è bello far l’amore da Trieste in giù”, e questi due ragazzi (o per essere fiscali, ragazzo e ragazza) hanno preso alla lettera la frase: la voce cristallina e delicata, “casereccia” e sensuale di Veronica Lucchesi, si fonde perfettamente a melodie dal sapore meridionale suonate da Dario Mangiaracina. Se non vi abbiamo ancora convinti, lasciate che questo video (in collaborazione con la Banda delle Ciance) lo faccia per noi:

 

(Per la) Via di Casa

La Rappresentante di Lista non ha ancora pubblicato un album, né è chiara l’impronta che vorranno dare al progetto, ma la storia c’insegna che qualsiasi gruppo musicale non si è fermato alla propria classificazione ed ha esplorato altri generi, altri suoni, altre sensazioni; così questo duo inizia dando un’impronta popolare, diventa teatro messo in musica. Impossibile non notare le influenze della recitazione nel cantato, ora enfasi, ora rassegnazione, ora orgoglio, ora sospiri d’amore: le quattro brevi tracce disponibili nel loro canale ufficiale di Youtube parlano del sentimento per eccellenza, quello che si fa per strada, senza troppe pretese di perfezione, figure di uomini e donne che possiamo rivedere nella vita di tutti i giorni e non storie da telefilm o struggenti malinconie. C’è un filo conduttore nei testi e nella melodia di questo duo ed è la tranquillità nel narrare attimi, solitudini, attese, speranze ma anche stralci di vita quotidiana. La musica è essenziale, la chitarra a cinque corde che ripete dei riff ben precisi d’accompagnamento ad una voce che fa (quasi) tutto da sé, da paragonarli al gruppo ben più famoso (ma non troppo) Musica Nuda, alias Petra Magoni e Ferruccio Spinetti. In comune dei testi ricercati ed una voce femminile che volteggia sull’accompagnamento del partner maschile. La differenza sta nel dualismo motivetto orecchiabile/ermetismo dei testi, da un lato facile a ritrovarsi a canticchiare uno dei brani, dall’altro difficile trovare una sola interpretazione alle parole.

A proposito, leggi anche:   C'è soltanto One Tree Hill

Da ascoltare

Un duo theatral-folk, adatto a chi cerca dei brani dalla melodia semplice ma ricercati nella composizione dei testi. Non ci resta che attendere la realizzazione del loro progetto e seguire la loro naturale evoluzione musicale. Nel frattempo, ecco l’intervista dove ci parlano dalla nascita delle loro canzoni alla nascita del nome del gruppo, agli eventi che li vedono protagonisti tra la provincia di Palermo e Pistoia.

 

Grazie ad Erika per il montaggio superbo dell’intervista.

La Rappresentante di Lista ultima modifica: 2012-08-24T10:00:48+00:00 da Anna Sidoti

Scritto da Anna Sidoti

Non sono ancora così famosa da avere una biografia.